Giovedì, 19 Luglio 2018 18:55

La sicurezza secondo il Partito Democratico: meno agenti sul territorio - più burocrazia

Giovedì 19 Luglio 2018 alle ore 08.30 - Commissione Affari costituzionali - Ufficio di Presidenza  Controllo acquisizione e detenzione di armi Giovedì 19 Luglio 2018 alle ore 08.30 - Commissione Affari costituzionali - Ufficio di Presidenza Controllo acquisizione e detenzione di armi

Giovedì 19 Luglio 2018 alle ore 08.30
Commissione Affari costituzionali - Ufficio di Presidenza

Controllo acquisizione e detenzione di armi
Audizioni sull'A.G. n. 23 (Controllo acquisizione e detenzione di armi)

Difesa Italia è oggi intervenuta nell’ambito l'audizione presso l'Ufficio di Presidenza della Commissione affari costituzionali, nell'ambito dell'esame consultivo per il parere al Governo sull'atto del Governo n. 23 ‘Controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi’.

In nostra rappresentanza con piena delega è intervenuto l’Avv. Antonio Bana Presidente di AssoArmieri e quale nostro consulente esperto in materia di prevenzione e repressione del terrorismo e criminalità organizzata il Generale di Corpo di Armata dei Carabinieri Leonardo Leso.

Nell’odierna audizione sono stati portati all’attenzione della Commissione i gravissimi problemi sottesi al recepimento della Direttiva 2017/853/CE così come proposto dalla schema di decreto legislativo di recepimento del Governo Gentiloni.

L’Avv. A. Bana ha ben illustrato le numerose violazioni di importanti principi di diritto comunitario che la stessa Direttiva reca con sé sin dalla sua genesi.

Il Gen. L. Leso, che nel suo eccezionale curriculum, tra i tantissimi titoli di merito, vanta anche il comando dei GIS (Gruppo Intervento Speciale dei CC), la più alta decorazione militare nazionale, la Legione al Merito del Congresso degli Stati Uniti e due Croci d'Oro al Merito dell'Esercito e dell'Arma dei Carabinieri, ha portato all’attenzione della Commissione l’evidenza della sostanziale inefficacia delle Direttiva Armi EU ed ancor più del Decreto Legislativo proposto dal Governo Gentiloni-PD per il suo recepimento rispetto al dichiarato obiettivo di contrasto del terrorismo e della prevenzione dell’uso illegale delle armi.

Il Gen. L. Leso in particolare ha evidenziato come molte delle previsioni proposte dal PD non solo non introducono alcun beneficio concreto nella gestione della sicurezza sociale, ma invece vanno a colpire e danneggiare i cittadini legali detentori e sottraggono energie e risorse alle Forze dell’Ordine per l’esecuzione di inutili adempimenti burocratici.

Un esempio per tutti: il solo recepimento del risibile obbligo di autocertificare l’informazione resa ai conviventi della volontà di acquistare un’arma richiederebbe per la sua gestione un impegno di almeno 250.000 giornate/uomo agli ufficiali di P.S. e C.C. preposti, che verrebbero così distratti dal fondamentale e prioritario impegno di presidio del territorio e protezione dei cittadini!

Il Gen. Leso ha inoltre ricordato ai partecipanti come nella sua esperienza operativa non abbia mai riscontrato l’utilizzo di armi legali da parte di terroristi e criminali, ricordando, invece, i milioni di fucili di assalto illegali disponibili per tali soggetti al costo di circa 18 dollari in diversi paesi dei Balcani.

Ancora una volta siamo costretti a rilevare come nella prospettiva del Partito Democratico la concreta protezione dei cittadini e la loro sicurezza siano sempre subordinabili e sacrificabili all’introduzione di provvedimenti inutili, inefficaci e mortificanti per milioni di onesti cittadini ed elettori.

Interventi risibili, permeati di pregiudizi ideologici e completamente distaccati dall’indispensabile conoscenza dei fenomeni che si vorrebbe regolamentare, affrontati invece anche in questo caso con la consueta supponenza e disinformata approssimazione.

In audizione la Senatrice Cinzia Bonfrisco della Lega, preso riscontro delle sconvolgenti valutazioni del Gen. Leso, ha immediatamente sollevato il problema della copertura finanziaria necessaria a sostenere l’eventuale adozione delle previsioni così aspramente criticate dagli esperti convocati, chiedendo ed ottenendo dal Presidente Sen. Stefano Borghesi che le stesse fossero inviate all’esame dalla Commissione Bilancio, dove - ci auguriamo - verranno opportunamente valutate nel loro reale rapporto costo/beneficio per lo Stato e per i cittadini.

Ancora una volta Difesa Italia esprime alla Lega, ai suoi Parlamentari ed alla Sen. C. Bonfrisco ed al Presidente Sen. S. Borghesi tutto il suo apprezzamento ed i più sinceri ringraziamenti per il pregevole e fondamentale lavoro svolto a tutela sia dei diritti e dei legittimi interessi dei legali detentori di armi civili/sportive e soprattutto a garanzia della VERA SICUREZZA dei cittadini italiani!

Presidenza Difesa Italia
Dott. Andrea Gallinari

 Per rivedere la registrazione dell'audizione clicca QUI

Letto 966 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Luglio 2018 08:07
Devi effettuare il login per inviare commenti

Difesa Italia in breve

Difesa Italia è un’Associazione di promozione sociale, non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di utilità sociale. I suoi principali obiettivi sono evolvibili ed aggiornabili, in ragione del cambiamento dello scenario socio-politico Italiano.

L’Associazione è democratica, opera solo e sempre nel pieno rispetto delle leggi vigenti, SUB LEGE LIBERTAS.

Leggi lo Statuto completo...

I nostri propositi

    • La promozione ed organizzazione di un movimento di opinione favorevole alla sostanziale urgente revisione dell’istituto della legittima difesa;
    • L'organizzazione di iniziative ed il supporto attivo per l’orientamento delle preferenze di voto verso i soggetti politici che hanno realmente dimostrato di volere tutelare gli interessi degli operatori del comparto ed i diritti dei legali detentori di armi, soprattutto nella prospettiva dei termini temporali del recepimento delle linee guida della revisione normativa europea, coincidenti con le prossime elezioni politiche italiane;
    Commenta per primo! Leggi tutto...